Perché Big Little Lies fa amicizia con la mamma tutto sbagliato | Vita | 2018

Perché Big Little Lies fa amicizia con la mamma tutto sbagliato

Big Little Lies (HBO)

Nella nuova serie HBO Big Little Lies , Reese Witherspoon interpreta Madeleine, una mamma montuosa della Monterey County che , in un episodio precedente, sabota la festa di compleanno di una bambina perché non approva la lista degli invitati. Invece di boicottare la festa, Madeleine invita tutta la sua mamma e i loro figli (tra cui Celeste, interpretata da Nicole Kidman e Jane, interpretata da Shailene Woodley) per vedere Disney On Ice. Le ragazze tintinnano i flauti champagne e cantano insieme a Fleetwood Mac mentre procedono lungo la Pacific Coast Highway. Guardandoli, provai una profonda sensazione di affondamento. Era la sensazione familiare di guardare la mia vita - e le vite delle madri della classe media ovunque - crudelmente travisate al servizio del dramma popolare.

Big Little Lies è splendidamente girata e prodotta in maniera brillante come ci si aspetterebbe da veterano David E. Kelly. La musica è favolosa e le relazioni familiari sono sfumate e complesse. Ma ricade sulla caricatura, come fanno molti drammi, nella raffigurazione di come le madri moderne si relazionano l'una con l'altra. Il conflitto sposta la trama - l'ho capito - ma che dire del riflettere sull'esperienza vissuta delle donne reali? Perché gli amici di mamma non sono così.

Chiedi a una donna dall'aspetto stordito che vedi spingere un passeggino nel parco un mercoledì pomeriggio. Le probabilità sono, l'ultima conversazione ragionevole che ha avuto con un'altra madre.

Eppure, se gli alieni venissero giù sulla terra domani e non avessero nulla da fare se non la nostra cultura popolare contemporanea, concluderebbero naturalmente che le madri umane nel 2017 sono un tribù viziosa di materialisti auto-rispettosi che vivono per contrattaccarsi mentre perfezionano i loro contributi per la vendita di prodotti senza glutine.

Nell'ultimo decennio, questa bugia è stata perpetuata da un fiume di film e TV popolari che si concentrano sul tensioni superficiali che presumibilmente dividono le madri moderne: da Desperate Housewives a Catastrofe (ricordate l'episodio "mombies"?) a varie trame da CBC altrimenti devianti Workin 'Moms - Potrei andare avanti.

Anche le storie che apparentemente parlano di legame con le mamme ricadono in parte sul cliché della mamma competitiva. Nella commedia d'incassi della scorsa estate, Bad Moms, Mila Kunis interpreta una donna che finalmente scatta dopo essere stata spinta sull'orlo della sanità mentale da un gruppo di perfette "mocciose alfa".


Correlati: Come Tracy Moore ha imparato a sconfiggere la colpevolezza di mamma


E i media hanno fatto la propria parte divulgando la nozione delle cosiddette "guerre della mamma" in cui le madri lavoratrici si affrontano contro le loro controparti soggiorno-casa in una gara di scelte di vita. Tali stereotipi possono essere insidiosi e apparentemente credibili, specialmente per le neomamme che non conoscono meglio.

Prima che mio figlio andasse all'asilo, ho intervistato il comico cool Katherine Ryan , una mamma canadese che vive a Londra. Mi ha raccontato una divertente storia di come ha fatto di tutto per evitare di fare amicizia con le altre madri alla scuola elementare di sua figlia perché pensava che sarebbero state come le ragazze che l'hanno torturata senza pietà nella sua scuola media. "A volte indosso occhiali da sole e cuffie giganti che riducono il rumore - e loro ancora cercano di parlarmi", disse con uno sguardo sprezzante.

Le sue parole fecero una profonda impressione. Ero già diffidente nei confronti degli amici di mamma - ne avevo visti abbastanza nei film e in TV per sapere che erano un brutto gruppo ( Heathers con i bambini era come l'avevo immaginato). Come Ryan, ho deciso di evitarli del tutto. Ma poi mio figlio è andato all'asilo. E in qualche modo sono finito su un gruppo di messaggi What's App. E c'erano gli inviti a "giocare le date", che, quando il bambino ha tre anni, in realtà traducono in "Vorresti venire a casa mia per il tè e l'hummus mentre i nostri bambini litigano per i giocattoli così non moriamo di noia e solitudine?”

Non sapevo come dire no e quindi senza significato, mi sono trovato con un gruppo di "amici di mamma" del quartiere. C'erano serate di pub e cene di ragazze e date di gioco del venerdì pomeriggio. E invece di sedermi tristemente nel parco giochi fissando il mio telefono, all'improvviso avevo delle persone con cui parlare. Erano interessanti, divertenti, intelligenti e originali. E a loro interessavano la politica, la cultura e ogni genere di roba diversa dai loro figli.

Non ho ancora considerato nessuno di questi miei reali amici (perché i veri amici sono quelli che incontri a scuola e al lavoro), ma poi ho avuto il mio secondo figlio un mese prima. E 'stata una nascita traumatica, fisica ed emotiva, e sono stata licenziata per diverse settimane, lottando per funzionare. Dopo che mio marito è tornato al lavoro, i miei amici mamma mi hanno salvato la vita in un milione di piccoli modi. C'erano lasagne e pigiama party e interminabili ritiri scolastici, che accettavo con gratitudine. Una ragazza avrebbe preso mio figlio dopo la scuola per le date di gioco e lo avrebbe portato a casa poco prima di andare a dormire, nutrito, lavato e in pigiama - un piccolo gesto ma la maggior parte dei genitori capirà come una profonda bontà.

Viviamo in una società frammentata , isolati gli uni dagli altri nelle nostre camere di eco dei social media. Ma i nostri figli ci trascinano fuori nel mondo, gettandoci di nuovo nelle nostre comunità - le scuole, i parchi, le biblioteche e gli scantinati delle chiese che avevamo abbandonato da tempo per la raffinatezza e l'isolamento dell'età adulta. È in quegli spazi pubblici imbarazzanti che troviamo i nostri amici di mamma. O, dovrei dire, veri amici. Non credere a quello che vedi in TV.

Inserisci Un Commento