Shooting Orlando: l'intolleranza e la retorica anti-gay giocano un ruolo nella violenza | Notizia | 2018

Shooting Orlando: l'intolleranza e la retorica anti-gay giocano un ruolo nella violenza

Una veglia a Seattle per le vittime delle riprese di Orlando. Foto, Genna Martin / seattlepi.com tramite AP.

Edward Sotomayor Jr., 34. Stanley Almodovar III, 23. Luis Omar Ocasio-Capo, 20. Juan Ramon Guerrero, 22. Luis S. Vielma, 22 . I nomi e le età delle persone uccise in una sparatoria di massa a Pulse , un nightclub gay a Orlando, in Florida, hanno lentamente cominciato ad emergere - molte delle vittime erano giovani uomini latinoamericani, che erano riuniti per la leggendaria serata latina del club. Questi sono solo cinque delle 50 persone uccise, altre 53 sono state ferite. Due comunità - gay e latino - devastate. Così tanti nomi, così tante vite passate.

Come piangi una perdita come questa? Come prendi le dimensioni di questa tragedia? Per le persone gay, lesbiche, transgender e bisessuali di una certa età, il dolore di queste dimensioni è familiare, così come la perdita di persone che sono appena entrate nell'età adulta. Il mio primo lavoro nel giornalismo era al Xtra , un giornale gay e lesbico a Toronto, e uno dei miei compiti era di sorvegliare i necrologi. Era la fine degli anni '90, quando gli antiretrovirali erano ancora nelle fasi di prova e l'HIV / AIDS era fatale. Ogni settimana, ho riempito le mie pagine con i nomi e le età dei morti. Come quelli sopra elencati, erano in gran parte nei loro anni '20 e '30. Una volta ho chiesto a un collega di sesso maschile una domanda di passaggio sui suoi amici. "Non ho amici", mi ha detto. "Li ho seppelliti tutti."

Molto è cambiato da allora, naturalmente. I diritti civili e le protezioni per le persone LGBT si sono espansi in gran parte del mondo occidentale. E le veglie che si sono svolte in tutto il mondo domenica notte per gli uccisi a Orlando erano profondamente commoventi per la loro inclusività, un promemoria che questa tristezza e rabbia non sono sopportate solo dai gay. Le persone etero si sono fatte avanti con solidarietà, offrendo amore e conforto. In modo più critico, a Orlando persone dritte si sono schierate per donare il sangue che è disperatamente necessario ai feriti - un atto di carità negato agli omosessuali, ai quali è proibito donare sangue dalla Food and Drug Administration degli Stati Uniti . (Non tutto è cambiato, a quanto pare. E i canadesi non dovrebbero sentirsi superiori: esiste un divieto simile.


Correlati: Ecco perché abbiamo bisogno di bagni di genere neutrali


Nelle sue osservazioni , il presidente Barack Obama ha abbracciato la comunità LGBT, dicendo "questo è un promemoria che ricorda che gli attacchi contro qualsiasi americano - indipendentemente da razza, etnia, religione o orientamento sessuale - è un attacco a tutti noi e ai valori fondamentali dell'uguaglianza e dignità che ci definisce come un paese. "È in netto contrasto con i sentimenti del presidente Ronald Reagan, eletto nel 1980, che era in carica quasi cinque anni prima che pubblicasse la parola" AIDS ", una malattia che avrebbe ucciso oltre 650.000 americani . (Ci sono registrazioni audio dell'amministrazione Reagan e il corpo della stampa della Casa Bianca in realtà ridono delle morti per AIDS nei primi anni '80.)

Altrettanto potente è stata la resistenza all'odio verso i musulmani, che hanno stato indirizzato ai social media e altrove con minacce e insulti. Alla vigilia a Toronto, è stata offerta una preghiera musulmana in arabo alle vittime, e il premier dell'Ontario Kathleen Wynne, che è lesbica, ha detto alla folla "che l'omofobia non può essere combattuta con l'islamofobia". promesso fedeltà all'ISIS in una chiamata al 911 prima dell'attacco, le sue azioni non sono in alcun modo riflessive o rappresentative dei musulmani o dell'Islam.

Tuttavia, se vogliamo capire cosa è successo, e possibilmente prevenire un'altra tragedia di questo tipo, è necessario considerare il contesto delle sparatorie, capire la cultura e le condizioni che le hanno generate.

Un fattore è il rapporto patologico dell'America con le pistole. Nei suoi otto anni in carica, Il presidente Obama ha dovuto affrontare le sparatorie di massa 15 volte. Nonostante questa epidemia di violenza armata, l'assassino di Orlando - un uomo mentalmente instabile che era noto all'FBI - era ancora in grado di ottenere legalmente un AR-15. Quel tipo di pistola è stato usato così frequentemente in massacri come quello di Orlando, che il Washington Post lo ha definito "l'arma di scelta del fucile di massa".


Correlati: Alla comunità LGBT, il Il dibattito del niqab suona potente e potente


Florida, dove lo sparatutto nato a New York è cresciuto e ha fatto la sua casa, ha la più grande popolazione di detentori di armi negli Stati Uniti . ed è tra i più rilassati quando si tratta di controllo delle armi. Ricordiamo che le leggi di Stand Your Ground dello stato hanno aiutato ad assolvere George Zimmerman per aver ucciso Trayvon Martin, un bambino nero disarmato, nel 2012. In questo momento, la Corte Suprema di Stato sta decidendo se permettere alle persone di portare apertamente armi da fuoco in pubblico. La venerazione dello stato per il suo diritto di portare armi è stata riassunta dall'ex governatore (e ex candidato presidenziale) Jeb Bush. A febbraio, ha twittato una foto di una pistola monogrammata con la didascalia "America".

La Florida ha anche una lunga storia di oppressione delle persone LGBT, dagli anni '70 Save Our Children movimento (una campagna anti-gay che sosteneva che gli omosessuali erano pedofili per reclutare bambini) a campagne più recenti - e altrettanto brutali - per vietare il matrimonio tra persone dello stesso sesso e l'adozione da parte di genitori gay e lesbiche. (Entrambi sono ora legali nello stato, a causa delle sentenze dei tribunali.) Vuoi sapere quanto possono essere i dispettosi legislatori della Florida? Nel 2010, un giudice distrettuale decretò che la legge che proibiva ai gay floridi di adottare bambini era incostituzionale - ma lo stato lo ha tenuto nei libri per ragioni simboliche. Allo stesso modo ha mantenuto le leggi contro il sesso gay (governato incostituzionale nel 2003) anche nei libri. Nel frattempo, in una parte dello stato, è ancora perfettamente legale licenziare una persona LGBT o negare loro l'alloggio a causa del loro orientamento sessuale o identità di genere. L'anno scorso, un disegno di legge che avrebbe reso illegale per le persone trans utilizzare i servizi igienici che non corrispondevano al loro sesso alla nascita, è stato sconfitto in modo restrittivo e i transessuali dello stato temono ancora per i loro diritti e sicurezza.

Nulla di ciò significa che le leggi anti-gay e il sentimento anti-gay equivalgono a un omicidio di massa. Discorsi di odio e persino una legislazione piena di odio non sono la stessa cosa che uccide una stanza piena di persone. Tuttavia, esiste una relazione tra i due. Al Massacro di Montreal nel 1989 , 14 donne sono state uccise a École Polytechnique da Marc Lepine, che ha gridato "Odio le femministe" prima di sparare. All'epoca, c'era un dibattito sul fatto che si trattasse di un atto isolato da parte di una persona mentalmente instabile o se si trattasse di un'espressione estrema e violenta di un sessismo più generalizzato - come se non potesse essere entrambi. Allo stesso modo, l'attacco a Orlando è sia un atto singolare che un'espressione radicale di omofobia generalizzata. Cosa avrebbero fatto coloro che erano determinati a negare ai diritti delle persone LGBT e alla dignità? Quando mandi odio e paura verso un particolare gruppo di persone, quando le chiami devianti e predatori, quando dici che le loro relazioni sono meno degne di rispetto e protezione, non esiste in isolamento. Quell'odio ha un impatto. La violenza nei confronti delle persone LGBT è molto più probabile.

La violenza è sempre stata una minaccia nella nostra comunità - e quella violenza, va detto, è spesso stata nelle mani dello stato e dei suoi agenti. I nostri bar e club sono stati i nostri rifugi, ma anche i luoghi in cui siamo stati presi di mira. Il giorno dell'orgoglio, dopotutto, segna l'anniversario delle rivolte di Stonewall Inn del 28 giugno 1969. In quella notte, uomini gay, lesbiche e transgender scesero in piazza per combattere la polizia che aveva fatto irruzione nella taverna gay per arrestarli per la sola il crimine di essere strani. Non è un caso che la nascita del moderno movimento LGBT sia iniziata fuori da un bar. Questi luoghi sono stati storicamente lo spazio raro in cui potevamo essere noi stessi, innamorarsi, prendersi cura gli uni degli altri e sentire che avevamo valore e valore.

Diciamo ai giovani gay che "migliora" - e lo fa e lo è. Ma poi, nel fine settimana, un uomo entrò nel Pulse Nightclub armato fino ai denti. Alle 2 del mattino, l'energia sarebbe stata estatica, sudata e gioiosa. La maggior parte delle persone nel club a quell'ora erano giovani, e probabilmente alcune di loro uscivano e provavano ancora il brivido di essere tra gli altri come loro. Ricordo di aver compiuto 22 anni e di aver ballato in un club gay alle 2 del mattino - era come trovare casa e trovare il paradiso e ritrovarmi tutto in una volta. Le persone a Pulse si sarebbero sentite così libere e vive. Si sarebbero sentiti così belli e al sicuro. Non avrebbero mai visto lo sparatutto.

Altro di Rachel Giese:
Uomini che sono intervenuti nell'assalto sessuale di Stanford mostrano che possiamo essere tutti eroi

I conservatori possono fare appello alle donne? Bene, stanno provando
Toronto Raptors: modelli di ruolo per la paternità moderna

Inserisci Un Commento