Ms. : Harriette Cunningham, pioniere dei diritti transnazionali | Altro | 2018

Ms. : Harriette Cunningham, pioniere dei diritti transnazionali

Foto, Janis Nicolay.

Età: 12
Occupazione: Studente
Città natale: Comox, BC
Loves: Animali, basket, dirt-bike

Da bambina, dopo essersi addormentata, Harriette Cunningham si sarebbe sognata una bella ragazza, con lunghe trecce e un vestito dalla sua scatola dei giocattoli. Era un netto contrasto con la sua vita da sveglia, dove abitava un corpo che non si sentiva mai veramente suo. "Sono sempre stato una ragazza, anche quando ero considerato un ragazzo", dice. Harriette, una studentessa di 12 anni della Comox Valley di B.C., è transgender, il che significa che non si identifica con il genere con cui è nata. Harriette è innatamente, irremovibilmente una ragazza - nonostante quello che ha detto sul suo certificato di nascita. Infatti, proprio l'anno scorso, si è diretta al tribunale dei diritti umani della British Columbia nella sua lotta in corso per far sì che quel documento rifletta la sua vera identità.

Nata a Megan, un'infermiera, e Colin, un insegnante di scuola superiore, a Harriette nome Declan: una calzata goffa fin da subito. "Sapevamo sempre che avevamo a che fare con una piccola persona unica, fin da quando era in grado di gattonare", afferma Colin. Dall'età di cinque anni, l'aspetto esteriore di Harriette confuse gli estranei; i suoi vestiti avevano un tocco decisamente femminile. I tagli di capelli erano una lotta. Correva anche i suoi compagni di squadra di baseball se la chiamavano un ragazzo.

Il tema della pubertà è territorio infido per qualsiasi relazione genitore-figlio, ma è stato il catalizzatore per l'uscita di Harriette come transgender all'età di otto anni. "La mia realizzazione mi è sembrata davvero improvvisa", dice. "Come, questo è tutto sbagliato - non dovrei avere la barba. Dovrei assomigliare a mia madre."


Corretto: La legge di Ottawa appoggia le barriere per i transessuali


Colin ricorda di chiedersi se l'amore di Harriette per bambole e abiti potesse essere colto in gesso per la sperimentazione infantile. "Vuoi solo proteggere tuo figlio dalla discriminazione e preservare la loro dignità e felicità, e tutto questo era una sorta di spaventoso sconosciuto." Inoltre, con una popolazione che supera a 15.000, Comox non offre esattamente un vasto bacino di risorse per gli adulti trans, non importa ai giovani. (Harriette afferma che i consiglieri "non hanno mai avuto la possibilità di sapere chi ero realmente.") E nel 2011, Caitlyn Jenner e Laverne Cox non erano ancora iper-visibili precursori di un futuro leggermente più inclusivo.

Tuttavia, con supporto della sua famiglia, Harriette ha iniziato la sua transizione. Colin e Megan erano gli orecchi forati e gli indumenti delle ragazze portati fuori dalla casa ("con l'eccezione dei tacchi alti", dice Harriette). Si è trasferita in una scuola che ha privilegiato la consapevolezza trans. Sua nonna preparò le lasagne per una cena di celebrazione. E scelse il suo nome: "È forte", dice Harriette. "Non credo che i miei genitori all'inizio fossero pazzi, ma hanno scoperto che significava" sovrano della casa ". Pensavano che andasse bene per me."

Tuttavia, Harriette immaginava un'accettazione che andava oltre la sua stessa famiglia. Nel 2013, con l'aiuto di sua nonna e avvocato per i diritti umani, Harriette ha iniziato a presentare petizioni ai rappresentanti locali per ribaltare la legislazione che imponeva alle persone trans di sottoporsi a un intervento chirurgico di riassegnazione prima di cambiare il genere sui loro certificati di nascita. Quando Bill 17 è passato nel 2014, Harriette è stata la più giovane di 30 colombiani britannici a ricevere la loro identificazione di nuova precisione. Poi, nell'ottobre dell'anno scorso, è apparsa prima del B.C. Tribunale per i diritti umani e premuto per avere il genere colpito dal certificato di nascita del tutto.

"Quando un bambino nasce, non sai se sarà maschio, femmina, intersessuale, transgender o genere-fluido", dice Harriette, sottolineando quella razza e classe, ora considerate irrilevanti, erano anche una volta identificatori legali. "Il genere è più di quello che c'è tra le tue gambe."

Harriette sa che c'è molto lavoro da fare - non è chiaro quando il tribunale emetterà una sentenza definitiva - ma per ora, è tenuta impegnata con il basket, la sporcizia e il candysriping all'ospedale locale. Un giorno, spera di entrare nella medicina geriatrica, con l'obiettivo di continuare la sua attività di advocacy. "Nessuno perde i propri diritti quando gli altri sono autorizzati a loro", dice.

Correlati:
Sig.ra di ottobre: ​​Saadia Muzaffar, fondatrice di TechGirls Canada
La signora di settembre: Monica Adair, la cima del Canada giovane architetto di Saint John
August's Ms. : Ebonnie Rowe, la risposta canadese alla misoginia nell'industria musicale

Aggiornamento

Inserisci Un Commento